Passa ai contenuti principali

Contendenti democristiani?


di Lorenzo Banducci

Anche ieri sera si è consumato, durante la Direzione Nazionale del Partito Democratico, l’ennesimo momento di grossa difficoltà per questa forza politica.

Sembrerebbe stabilita, almeno in apparenza, una data per le prossime primarie per la scelta del segretario (24 novembre) ma ancora le regole non sono state definite e si è rimandato tutto a una prossima assemblea nazionale (20-21 settembre).


Il PD appare paralizzato, per certi aspetti anche in maniera comprensibile, dalla situazione che si è venuta a creare con i compagni di governo del PdL e con il loro leader Silvio Berlusconi. Condannato definitivamente, il Cavaliere, appare destinato a un lungo e lento declino nel quale rischia di coinvolgere terribilmente il suo partito, il governo e lo stesso PD.

Il PD resta dunque lacerato dall’antico dilemma se essere un partito di lotta o di governo.  L’appoggio al governo Letta sembra essere una scelta rispetto alla quale risulta molto difficile tirarsi indietro vista l’importanza dell’iter di riforme nelle quali si inserito questo esecutivo. Dall’altra parte però la pressione della base, che ha mal digerito l’alleanza con Berlusconi, e un Renzi scalpitante per le primarie e timoroso di essere messo in ombra dalla figura di Letta sembrano spingere una parte del PD a togliere la spina al governo.
Ecco che allora emergono due fronti ben distinti all’interno del partito. Fronti pronti a sfidarsi per la leadership e per la segreteria, ma più in generale per l’egemonia sul centro-sinistra del futuro.

Da un lato abbiamo i rappresentati del vecchio apparato che avevano appoggiato e sostenuto Bersani negli anni della sua segreteria e che, nascondendosi dietro un candidato di facciata quale è Cuperlo, sembrano lanciare come unico candidato di vero spessore per la guida del paese proprio l’attuale premier Enrico Letta. Dall’altra abbiamo i rottamatori con varie casacche che appaiono fare più o meno quadrato intorno a Matteo Renzi, il più preoccupato per l’andamento dell’attuale governo con il rischio di vedere la sua figura risucchiata da quella di Letta.

Si profila dunque sullo sfondo del Partito Democratico uno scontro tutto in salsa Democristiana fra Enrico Letta e Matteo Renzi. Due storie politiche e personali sicuramente differenti ma provenienti da una cultura e da una tradizione similare. A stupire chi osserva è sicuramente la superiore capacità che ha avuto la classe dirigente di provenienza Democristiana di formare figure nuove rispetto a quella ex Comunista. Una questione questa che potrebbe rappresentare finalmente la possibilità del superamento di un'usanza fin troppo ripetutasi all'interno del PD. Quella del superamento dei precedenti orientamenti politici come unico motivo  per riequilibrare le posizioni all’interno del partito.

Dalla mia posizione di osservatore spero comunque che i due contendenti del futuro (o del presente, a seconda degli sviluppi politici) possano trovare compattezza nelle loro reciproche posizioni e condurre insieme il PD e il paese verso un destino più roseo. Fra i due temo sicuramente di più la frenesia di Renzi e la sua voglia di protagonismo. Se saprà mettere da parte questi suoi istinti il sindaco di Firenze potrà portare un grande contributo al partito e all’Italia. Auspico fra i due un duello fra idee distinte, ma spero anche che, indipendentemente dagli esiti, il cammino prosegua a braccetto, in tandem. Per rinnovare le persone e i pensieri del centro-sinistra servirà il contributo di entrambe queste aree.

Commenti

Post popolari in questo blog

Lettera a frate Raimondo da Capua: l'esecuzione di un condannato a morte

È una lettera al frate che fu direttore spirituale di Caterina e che poi divenne suo seguace. Vi si racconta in modo appassionato e sconvolgente l’assistenza a un condannato a morte, Nicolò di Toldo,giustiziato a Siena per aver partecipato a un movimento di rivolta nel 1375 circa. Il condannato, travolto dall’entusiasmo mistico di Caterina, finisce con l’accettare con letizia la morte come momento di congiunzione – anzi, di nozze – con la divinità. Il consueto motivo devoto del sangue di Cristo si fonde qui con quello del sangue della decapitazione. Il sangue del giustiziato alla fine si riversa sul corpo della santa: nella fusione del sangue di Nicolò con quello di Caterina e con quello di Gesù si realizza l’unità mistica dell’uomo con Dio.

Al nome di Gesù Cristo crucifisso e di Maria dolce.
A voi, dilettissimo e carissimo padre e figliulo mio caro in Cristo Gesù. Io Caterina, serva e schiava de' servi di Dio, scrivo a voi e racomandomivi nel pretioso sangue del Figliuolo di Dio, c…

Curzio Nitoglia, un cattivo maestro

di Andrea Virga
Questo articolo, come quello su Don Gallo1, non avrebbe reale ragione d’essere. Anche qui, le gravi affermazioni dottrinali del sacerdote in questione non meriterebbero più d’uno sberleffo, vista la loro palese incompatibilità con la retta dottrina. E tuttavia, anche qui è il caso di un prete consacrato – e stavolta tuttora vivente – che attira proseliti, specie fra i giovani, grazie alle sue opinioni estremiste ed ereticali, con il risultato di diffondere in lungo e in largo i suoi errori. Per questo, ritengo che sia il caso di dedicare una mezz’oretta a mettere in guardia i meno provveduti, che magari preferiscono internet ad un buon padre spirituale, rispetto a questo personaggio: Don Curzio Nitoglia. Il paragone con Don Gallo, però, non riesca troppo offensivo al defunto sacerdote genovese, che aveva almeno il merito di essere molto attivo in ambito sociale e di non aver mai lasciato la Chiesa (cosa non troppo difficile, visto il permissivismo dei suoi superiori).

Io, prete. Sull'affettività dell'uomo sacerdote - Christian Cerasa

Mi è stato chiesto di scrivere una riflessione sul prete, sull’essere prete. Di cose se ne sono scritte tante e se ne scrivono tante, a livello teologico o pastorale, quindi credo che mi fermerò semplicemente a rileggere la mia vita alla luce di un aspetto che forse troppo poco spesso si sottolinea, ovvero l’umanità del prete, l’essere uomo-prete. Credo che uno degli errori grossi che è stato fatto nel tempo, sia quello di aver divinizzato a tal punto la figura del prete, da aver completamente snaturato la sua umanità o averla quasi completamente annullata. Così si è più attenti all’immagine da dare che all’identità dell’essere. Da dove partire dunque con questo esame di coscienza. Credo sia opportuna una premessa. C’è sempre molta curiosità intorno all’umanità e all’affettività del sacerdote; una domanda spesso inespressa. La gente, anche quella che al prete vuole bene, che lo stima, con cui collabora, al quale affida i figli fantastica ... si interroga ... e spesso inventa! In verit…