Passa ai contenuti principali

Signora Bioetica, favorisca la carta di identità. #2


di Luca Scarcia

Dopo le prime informazioni sulla crescita della bioetica dagli anni '70 in poi - seconde per noia solo alle pagine di Hermann Hesse- voglio ripercorrere l'itinerario della riflessione etica in medicina, ricco di tappe significative.

All'origine dell'etica medica ci sono tre elementi imprenscindibili: le esigenze di carattere etico che il medico deve rispettare, i significati morali dell'assistenza al malato e le decisioni che lo Stato deve prendere nei confronti dei suoi cittadini in merito alla salute pubblica.

Insomma, passano i millenni ma la proprietà commutativa rimane sempre valida: la salute e' uno dei pochi obiettivi sensibili che gli uomini hanno cercato di raggiungere.


Già il codice di Hammurabi contiene norme che regolano l'attività medica e una prima regolamentazione delle tasse per l'assistenza sanitaria.
In questo viaggio, la prima sosta e' in Grecia, nel IV secolo a.C., dove Ippocrate e il suo Giuramento cambiarono segnarono un'epoca.
È noto che esistono problemi di attribuzione ed autenticità, nonché di critica testuale relativi a tutto il corpus hippocraticum, compreso il testo del Giuramento: il corpus e' certamente il risultato di contributi di una traduzione e non di un solo pensatore, ma la paternità del medico di Kos e' oramai consolidata.
Il Giuramento rappresenta l'espressione propria della cultura del tempo, di carattere pre-giuridico, proprio di una categoria- quella medica- che era considerata al di sopra della legge. La professione medica era rivestita di un carattere sacrale: si potrebbe parlare di un vero e proprio sacerdozio!
La struttura del giuramento comprende :
1)    un'invocazione alla divinità;
2)    un brano relativo al rispetto verso il maestro- soprattutto la trasmissione gratuita      dell'insegnamento ai suoi figli- e all'impegno verso tutti quelli che sottoscrivono il Giuramento e desiderano imparare la professione;
3)    un brano dedicato alla terapia, che obbliga il medico ad escludere determinati azioni- quali il somministrare il veleno anche a chi lo chiedesse, l'"aborto procurato", qualsiasi abuso sessuale verso le persone del malato e dei familiari- e al rispetto del segreto professionale;
4)    una conclusione che invoca sanzioni da parte della divinità in senso positivo (benedizioni) per chi lo osserva ed in senso punitivo (maledizioni) per chi lo trasgredisce.                                                                                                                                     

Il Giuramento fonda la moralità dell'atto medico sul principio, definito nei secoli futuri, "di beneficenza e non malevolenza", cioè del bene del paziente. Poiché il medico agisce sempre per il bene del malato, perché questo e' il suo ethos, allora quello che egli prescrive non avrebbe bisogno di altre conferme neppure da parte del paziente.
Si tratta di una morale fondata sul principio sacro del bene del paziente di cui il medico e' un custode inappellabile, al di sopra della legge e di ogni sospetto. Inoltre, nella concezione ippocratica e' evidente lo sforzo di fondare dei criteri oggettivi di moralità: c'è la coscienza del bene in se' è del rispetto della persona al di la' e al di sopra dei suoi stessi desideri.
Il pensiero ippocratico e' rimasto canonico per tutta la cultura classica e per tutto il Medioevo. L'influenza del Giuramento e' universale e diffusa in varia in culture, come testimoniano "La preghiera quotidiana del medico" di Mose' Maimonide (Egitto,XIII sec.) e i "Doveri del medico" di Mohamed Hasin (Persia,1770).
Tuttavia, e' difficile non riconoscere che il pensiero ippocratico fu il primo passo di quello che oggi si chiama, con una connotazione negativa, "paternalismo medico".
La comparsa del principio di autonomia con l'affermazione del pensiero moderno, il liberalismo etico di Hume ed in seguito la formulazione dei diritti dell'uomo e dei diritti del cittadino rappresentano certamente un "antipaternalismo medico".
Tuttavia, questi nuovi principi non potranno mai cancellare del tutto il principio di beneficenza come momento di validità e di garanzia, sia per l'autonomia del paziente sia per quella del medico. Neppure l'idea di giustizia diffusa nel pensiero sociale contemporaneo potrà cancellare questo principio di beneficenza, che non deve essere fondato su una a-storica trascendenza della professione medica, ma sull'idea di bene e di verità, fondante per la consistenza stessa degli altri principi di autonomia e di giustizia.

La bioetica attuale- soprattuto quella principialista- attinge ancora a questa formidabile tradizione.
Ogni anno e in tutto il mondo,  milioni di giovani medici giurano su queste stesse parole. Per rito o per profonda convinzione non si sa, ma il solo fatto che il Giuramento sia ancora presente nell'insegnamento di un medico, come suo atto finale, e' un sintomo che la sua ricca eredità non potrà mai essere esaurita perché è legata indissolubilmente al significato stesso della medicina.

Commenti

Post popolari in questo blog

Io, prete. Sull'affettività dell'uomo sacerdote - Christian Cerasa

Mi è stato chiesto di scrivere una riflessione sul prete, sull’essere prete. Di cose se ne sono scritte tante e se ne scrivono tante, a livello teologico o pastorale, quindi credo che mi fermerò semplicemente a rileggere la mia vita alla luce di un aspetto che forse troppo poco spesso si sottolinea, ovvero l’umanità del prete, l’essere uomo-prete. Credo che uno degli errori grossi che è stato fatto nel tempo, sia quello di aver divinizzato a tal punto la figura del prete, da aver completamente snaturato la sua umanità o averla quasi completamente annullata. Così si è più attenti all’immagine da dare che all’identità dell’essere. Da dove partire dunque con questo esame di coscienza. Credo sia opportuna una premessa. C’è sempre molta curiosità intorno all’umanità e all’affettività del sacerdote; una domanda spesso inespressa. La gente, anche quella che al prete vuole bene, che lo stima, con cui collabora, al quale affida i figli fantastica ... si interroga ... e spesso inventa! In verit…

Curzio Nitoglia, un cattivo maestro

di Andrea Virga
Questo articolo, come quello su Don Gallo1, non avrebbe reale ragione d’essere. Anche qui, le gravi affermazioni dottrinali del sacerdote in questione non meriterebbero più d’uno sberleffo, vista la loro palese incompatibilità con la retta dottrina. E tuttavia, anche qui è il caso di un prete consacrato – e stavolta tuttora vivente – che attira proseliti, specie fra i giovani, grazie alle sue opinioni estremiste ed ereticali, con il risultato di diffondere in lungo e in largo i suoi errori. Per questo, ritengo che sia il caso di dedicare una mezz’oretta a mettere in guardia i meno provveduti, che magari preferiscono internet ad un buon padre spirituale, rispetto a questo personaggio: Don Curzio Nitoglia. Il paragone con Don Gallo, però, non riesca troppo offensivo al defunto sacerdote genovese, che aveva almeno il merito di essere molto attivo in ambito sociale e di non aver mai lasciato la Chiesa (cosa non troppo difficile, visto il permissivismo dei suoi superiori).

Commento al vangelo XXV Domenica Tempo Ordinario B: Mc 9,30-37

Il trionfalismo è una tentazione grave e continua per la Chiesa; il vangelo di questa Domenica ci aiuta ad affrontare questo pericolo. L'insegnamento è quello del servo sofferente: l'eletto da Dio non si godrà i lussi della vita in santa pace, ma patirà molti tormenti, dicono i Profeti. Accetti di stare dalla parte del debole, dell'innocente violentato, del giusto condannato a una morte infamante? Magari i discepoli il Primo Testamento lo avevano pure letto, ma non capivano. Cioè, non lo accettavano. Ecco che da questa tentazione scaturiscono il carrierismo, il leccaculismo e il clericalismo: si iniziano a creare gerarchie e onori vari per prendere parte al trionfo mondano. Si vuol stare vicini fisicamente a un uomo per godere della sua attenzione, raccomandazione e fama, senza scomodarsi troppo. Mentre Gesù che fa? Un gesto eloquente: prende non un discepolo, ma un bambino - allora valevano meno di niente - e lo pone al centro. La periferia dell'umano viene riqualific…