Passa ai contenuti principali

Commento al vangelo 12 luglio 2018: Mt 10,7-15

Cosa ci è richiesto innanzitutto per prolungare con la nostra vita la missione di Gesù? Camminare, fare strada insieme, avvicinare il Regno. Cioè farci vicini ad ognuno, come il cielo si è fatto vicinissimo alla terra, si è approssimato a noi: Dio si è fatto presente. Una teologia, una chiesa, un pastore che è lontano dalle persone - che, anziché aiutarle ad essere sempre più attratte da Dio, le allontana - non ha molto a che vedere con il cristianesimo. La Parola può farsi carne solo in una vita fraternizzata che, camminando nella sua scarna povertà, ne testimonia la verità della sua potenza di liberazione da ogni schiavitù. È inoltre una Parola di accoglienza che mendica accoglienza, sino a prendersi cura materialmente di ogni ferita di ogni esistenza, migrante e non migrante, maschile e femminile, eterosessuale e omosessuale, nella prestanza fisica e nella debilitazione, nella ricchezza e nella povertà, nei primi e negli ultimi istanti di vita... Nonostante ci sia chiesto di rivolgerci prioritariamente ai nostri smarriti, prima di incontrare i "pagani", ogni creatura è degna di ricevere, anche dal nostro abbraccio, la gratuità che ha colmato persino degli sfigati come noi. Ma qui sorge sempre il rischio di rimanere attaccati ad un atteggiamento che ci pone costantemente su un piano sopraelevato rispetto al fratello, che non è un costo né una risorsa economica. Evitiamo quindi la filantropia, l'elemosina superficiale, l'impietosirci per i bambini dell'altro mondo per poi lavarci la coscienza con un SMS solidale; che lo vogliamo o no, sono tutti modi per sentirci "padroni a casa nostra". Essere padroni e avere una casa non è tutto, anzi, puntare solamente su questo è una vana illusione. Proviamo allora a perderla quella casa e quella padronanza, oltre a perdere il Rolex e lo smartphone: viviamo da ospiti e, da servi, iniziamo a mendicare l'accoglienza. Qui si capovolge lo sguardo: per vivere come Gesù e in Gesù è indispensabile passare anche per l'esperienza della perdita, della non accoglienza, della gratuità rifiutata. Ma non preoccupiamoci di chi rigetta la nostra amicizia in cui è presente Gesù in mezzo: da soli si condanneranno ad una desolazione peggiore a quella degli inospitali abitanti di Sodoma e Gomorra. La pace di Dio scenderà ben volentieri invece su chi, scomodandosi per fare spazio all'irruzione del Vangelo nella propria esistenza, si renderà anche per noi un vero, caloroso, focolare. Dove Gesù si sentirà a casa, sarà casa nostra perché ci renderà coeredi: "padroni", in Lui, di questa dimora eterna, benedetta.

Giovedì 12 luglio 2018
+ Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10,7-15
In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture, né sacca da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché chi lavora ha diritto al suo nutrimento. In qualunque città o villaggio entriate, domandate chi là sia degno e rimanetevi finché non sarete partiti. Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. Se quella casa ne è degna, la vostra pace scenda su di essa; ma se non ne è degna, la vostra pace ritorni a voi. Se qualcuno poi non vi accoglie e non dà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dei vostri piedi. In verità io vi dico: nel giorno del giudizio la terra di Sòdoma e Gomorra sarà trattata meno duramente di quella città».
commento a cura di Piotr Zygulski

Commenti

Post popolari in questo blog

La gratitudine di Papa Francesco per un articolo pubblicato su Nipoti di Maritain

La Segreteria di Stato della Santa Sede ha inviato in una lettera al nostro collaboratore Christian Cerasa la gratitudine di papa Francesco per l'articolo Io, prete. Sull'affettività dell'uomo sacerdote pubblicato lo scorso 3 agosto 2018 sul nostro blog: http://nipotidimaritain.blogspot.com/2018/08/io-prete-sullaffettivita-delluomo.html Riportiamo di seguito il testo integrale della lettera.
Dal Vaticano, 24 agosto 2018 Reverendo Signore, Sua Santità desidera manifestare viva gratitudine per le sue riflessioni personali circa l’umanità e l’affettività dei sacerdoti e per il confidente gesto e sentimenti di filiale venerazione e di affetto che l’hanno suggerito e, mentre chiede di pregare per la Sua persona e per il Suo universale ministero di Successore dell’Apostolo Pietro, auspica ogni desiderato bene per Lei e per quanti sono affidati alle sue cure pastorali e volentieri imparte la Benedizione Apostolica. 
Profitto della circostanza per confermarmi con sensi di distinta stima

Io, prete. Sull'affettività dell'uomo sacerdote - Christian Cerasa

Mi è stato chiesto di scrivere una riflessione sul prete, sull’essere prete. Di cose se ne sono scritte tante e se ne scrivono tante, a livello teologico o pastorale, quindi credo che mi fermerò semplicemente a rileggere la mia vita alla luce di un aspetto che forse troppo poco spesso si sottolinea, ovvero l’umanità del prete, l’essere uomo-prete. Credo che uno degli errori grossi che è stato fatto nel tempo, sia quello di aver divinizzato a tal punto la figura del prete, da aver completamente snaturato la sua umanità o averla quasi completamente annullata. Così si è più attenti all’immagine da dare che all’identità dell’essere. Da dove partire dunque con questo esame di coscienza. Credo sia opportuna una premessa. C’è sempre molta curiosità intorno all’umanità e all’affettività del sacerdote; una domanda spesso inespressa. La gente, anche quella che al prete vuole bene, che lo stima, con cui collabora, al quale affida i figli fantastica ... si interroga ... e spesso inventa! In verit…

Curzio Nitoglia, un cattivo maestro

di Andrea Virga
Questo articolo, come quello su Don Gallo1, non avrebbe reale ragione d’essere. Anche qui, le gravi affermazioni dottrinali del sacerdote in questione non meriterebbero più d’uno sberleffo, vista la loro palese incompatibilità con la retta dottrina. E tuttavia, anche qui è il caso di un prete consacrato – e stavolta tuttora vivente – che attira proseliti, specie fra i giovani, grazie alle sue opinioni estremiste ed ereticali, con il risultato di diffondere in lungo e in largo i suoi errori. Per questo, ritengo che sia il caso di dedicare una mezz’oretta a mettere in guardia i meno provveduti, che magari preferiscono internet ad un buon padre spirituale, rispetto a questo personaggio: Don Curzio Nitoglia. Il paragone con Don Gallo, però, non riesca troppo offensivo al defunto sacerdote genovese, che aveva almeno il merito di essere molto attivo in ambito sociale e di non aver mai lasciato la Chiesa (cosa non troppo difficile, visto il permissivismo dei suoi superiori).